Blog

Le emozioni non si giudicano

Le emozioni non si giudicano

Se una persona ha paura, non giudicare la sua emozione, ma occupati di ciò che la spaventa.

Se una persona ha fiducia, non umiliarla o deluderla, ma rinsalda il suo entusiasmo.

Se una persona è nella tristezza, non giudicare la sua emozione, ma cura le sue ferite, confortala nelle sue sconfitte e consolala nelle sue perdite.

Se una persona è piena di gioia, non invidiarla, ma partecipa alla sua festa.

Se una persona è arrabbiata, non giudicare la sua emozione, ma occupati di ciò che la minaccia, della sua frustrazione, e se la sua è una giusta indignazione, condividila.

Se una persona è affettuosa, non invidiarla, ma impara dal suo amore, arricchisciti della sua simpatia e lasciati riscaldare dalla sua empatia.

Se una persona è tormentata dal senso di colpa, non giudicare la sua emozione, ma occupati del suo errore, aiutala ad assumersi la sua responsabilità e ad accettare le proprie fragilità.

Se una persona è felice, non invidiarla o tentare di turbare la sua pace, ma lasciati illuminare dalla sua innocenza.

Carluccio Bonesso

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *